Ad Menu

giovedì 30 giugno 2011

La “scomparsa” di Emma Marrone

Siamo dunque alla vigilia dei due concerti romani, quelli che chiuderanno la prima parte del tour di Vasco. Domani e sabato appuntamento all’Olimpico con la curiosità di vedere come reagiranno i fans dopo l’annuncio delle “dimissioni da rockstar” del Blasco.

Intanto, dal menù è sparito il nome di Emma Marrone: la giovane cantante, almeno così era stato scritto lo scorso 11 maggio sulla sua pagina di Facebook, avrebbe dovuto aprire il concerto di sabato. Ed invece non ci sarà: sul palco di Vasco sabato salirà Noemi (anche questo un nome già annunciato), mentre credo (se qualcuno ne sa di più mi corregga) che non sia annunciato nessun nome per domani sera.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 27 giugno 2011

Uscirò dalla tua vita talmente piano che…

Che il 2011, vascorossianamente parlando, non fosse un anno come gli altri, lo si era capito da un pezzo. L’annuncio choc di ieri sera, però, credo che davvero nessuno se lo aspettasse.

Anche se, interpretare le parole di Vasco, non è cosa facile. Dice che si dimette da rockstar, che questo sarà l’ultimo tour di questo tipo, ma anche che continuerà a scrivere canzoni e a fare concerti. Parole che certo non fanno pensare ad un ritiro dalle scene, ma semmai ad un nuovo modo di proporsi al suo pubblico. E questa, forse, è la grande sfida che aspetta d’ora in avanti Vasco. Sapersi rinnovare a sessant’anni, con un passato ed un nome così ingombranti sulle spalle.

Qualcuno dice che non cambierà nulla, altri pensano ad una manovra pubblicitaria, altri ancora non vogliono credere alle parole del Blasco. La mia sensazione, perché di questo si tratta, è che davvero siamo alla fine di un ciclo. Che una pagina, gloriosa come poche, si stia per chiudere. Se ne aprirà un’altra, però, per quanto i contorni non siano ancora al momento definiti. Ho avuto la fortuna di assistere ad una buona parte di questo percorso e non nascondo un po’ di tristezza. Si interrompe un cammino, non solo per Vasco.

A volte, però, mettere un punto è necessario. A volte, prendere atto della realtà, è doveroso. Spegnere il motore, in certi frangenti, è anche un atto di coraggio. Poi la macchina riprenderà ad andare. Dove ci porterà, lo scopriremo solo quando saremo di nuovo in viaggio.

L’intera videochat, curioso quanto si ascolta fra il minuto 14 e il minuto 15:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

domenica 26 giugno 2011

Vasco: “Mi dimetto da rockstar”

Era annunciata una sorpresa in coda allo Speciale Tg1 in onda questa sera alle 23.30. Sorpresa che non sarà tale, visto che la dichiarazione in questione è stata anticipata in serata, ma sicuramente quanto detto da Vasco farà molto discutere.

Dichiaro felicemente conclusa la mia straordinaria attività di rockstar”. Ed ancora: “Continuerò a scrivere canzoni, magari anche a fare concerti, ma mi dimetto da rockstar”. Frasi choc, che in pochi minuti hanno messo in subbuglio il mondo dei fans.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

C’è chi dice qua, c’è chi dice là, c’è chi va in ferie

Se Vasco inizia un concerto con un’ora di ritardo, la Pizzeria Verdi A Tutto Vasco potrà ben chiudere per ferie con due mesi di anticipo, o no? E così, in questa rivoluzionaria estate del 2011, niente più consuete ferie a settembre, ma serrande abbassate già a fine giugno.

Ieri sera
, dopo aver sfornato l’ultima pizza, il signor Vito ha spento il forno. E da oggi, in Corso Dante, campeggia la scritta “chiuso per ferie”. Tutti al mare per due settimane, prima della riapertura. Già fissata per martedì 12 luglio. Coraggio, un piccolo sacrificio, per poi goderci un’estate a tutta pizza!

La scena della lievitazione è un capolavoro:


Questa è tutta un capolavoro:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 25 giugno 2011

Domani sera Vasco a Speciale Tg1

Vasco sarà ospite domani sera di Speciale Tg1, rubrica di approfondimento che dovrebbe iniziare intorno alle 23.30. Al microfono di Vincenzo Mollica, Vasco racconterà la sua vita artistica e personale.

Secondo le anticipazioni che si trovano in rete, sembra che Vasco confesserà anche il desiderio di cantare “La bambola” di Patty Pravo (voce che era già circolata un anno fa, alla ripresa del tour nei palazzetti). Viene poi annunciata anche una inattesa sorpresa finale. Titolo dello speciale: “Io sono ancora qua”.

Per saperne di più cliccare qui: spettacolo.we-news

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 23 giugno 2011

Il giorno dopo

E’ stato dunque “un fortissimo male che da una spalla è passato alla schiena” (come scritto sull’ufficiale) a fermare ieri sera Vasco, costringendolo ad iniziare il concerto con un’ora di ritardo. Risultato? Scaletta tagliata: fuori il medley dance e quello acustico, Un senso, qualche assolo accorciato. Per un totale di due ore di musica o giù di lì.

C’è poco da dire: può capitare anche a Vasco di stare male e di non essere in forma una sera. Che ci vogliamo fare. Anche se ovviamente capisco benissimo il dispiacere di chi ieri sera era a San Siro ed ha visto un concerto mozzato. E’ vero, come ha scritto Vasco su Facebook, che non si deve calcolare "la musica a kilo", ma è anche vero che chi paga il biglietto ha diritto di sentirsi deluso (in tutto o in parte) dello spettacolo che ha visto. Detto questo, non resta che sperare che il Blasco si rimetta in fretta e già da Roma torni ad essere il Vasco che tutti conosciamo.

Concedetemi infine una piccola precisazione sui commenti. Li pubblichiamo tutti, perché la libertà di espressione è sacra, quelli adulatori e quelli ferocemente critici. Ma quelli che contengono illazioni in alcun modo dimostrabili no, quelli non li pubblichiamo
.

Corri e fottitene dell’orgoglio


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 22 giugno 2011

Un’ora di ritardo per il concerto di Vasco stasera a San Siro

E’ iniziato con un’ora di ritardo questa sera il concerto di Vasco a San Siro. Al momento non conosciamo i motivi di questo ritardo, avremo probabilmente qualche notizia in merito più tardi o domani.

Ieri
intanto c’è stato il terzo dei quattro concerti di San Siro: scaletta invariata, con l’unico cambio nel medley acustico, con Vasco che ha suonato Tango della Gelosia ed Ogni volta, lasciando dunque fuori Sally. E’ la seconda volta in quindici anni, se la memoria non mi inganna, che Sally non entra in scaletta: la prima è stata lo scorso 10 giugno a Mestre.

Segnaliamo in chiusura di post la recensione del concerto del 17 giugno scritta da un nostro lettore, Gianni Spada. Qui sotto il link.

Per leggere la recensione cliccare qui: Febbrea90

Ogni volta
San Siro 21 giugno 2011


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 21 giugno 2011

Fratelli d’Italia, fratelli di Vasco

Appuntamento in edicola per chi ama collezionare articoli dedicati a Vasco: oggi infatti La Stampa dedica un’intera pagina al Blasco ed in particolare alla storia di Rossi a San Siro.

Un lungo articolo centrale firmato da Piero Negri rievoca (sinteticamente) il percorso iniziato nel 1990 e che (per il momento) si concluderà mercoledì.

In basso ci sono poi due brevi articoli dedicati ai fans: uno ad Andrea Giovannetti, tra i fondatori dei Fratelli di Vasco (da qui il titolo dell’articolo) e l’altro a Patty Rock. Un tentativo tutto sommato onesto di uscire dal solito cliché ingessato di raccontare i tour di Vasco per dare spazio e parola anche a chi dei concerti ne è il primo fruitore.

Per leggere l’articolo principale della Stampa cliccare qui: La Stampa

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 18 giugno 2011

Di ritorno da Milano

Un concerto nella prima mini-gabbia, grazie ad una “cisco’s idea”, non ha prezzo. Ieri sera finalmente sono riuscito a vedere (e sentire) come si deve il nuovo concerto di Vasco. Iniziamo da qualche informazione spicciola: la scaletta, a Milano, ha assunto una fisionomia in parte diversa sia da Ancona che da Mestre. Il medley acustico finale, presente nella data zero e tagliato all’HJF, è stato ridotto e spostato prima di Guarda dove vai. Due le canzoni fatte da Vasco con la chitarra: giovedì sera Tango della gelosia e Sally, ieri Ogni volta e Sally. Una scena già vista più volte nel corso del tour indoor, ma la sorpresa di scoprire ogni sera cosa suonerà regala comunque sempre un qualcosa di positivo al concerto.

Un bel concerto, lo dico subito, che ieri sera mi sono goduto appieno. Per apprezzare al meglio tutti gli effetti scenici forse è meglio restare un po’ lontani dal palco, ma essere ad un passo dal Blasco e dalla band compensa ampiamente questo sacrificio. Un bel concerto, dicevo, anche se qualche difetto non manca. Lo show, a mio avviso, salvo la felice parentesi di Giocala, parte solo da Vivere o niente. Peccato che subito dopo, almeno ieri sera è stato così, Vasco si sia lanciato in un lunghissimo monologo, quasi un comizio, che sarà durato un quarto d’ora ed ha molto spezzato l’adrenalina del concerto. Senza entrare nel merito delle opinioni espresse, un intermezzo troppo troppo lungo. E non a caso, dopo un po’, è partita una sonora bordata di fischi: episodio inedito, sul quale Vasco (e chi lavora per lui ) farebbe bene a riflettere un po’.

La parte centrale del concerto, secondo me, è la più bella. Nell’interludio entra in scena l’ansiogeno funambolo, mentre Nemola si esibisce in un originale inserto operistico. Il “medley dance” tanto criticato, anche per la presenza delle ballerine, in realtà scivola via abbastanza indolore. Ed un po’ di coreografia non hai mai fatto male a nessuno. A proposito di coreografie, nel bel mezzo di Guarda dove vai sale sul palco Diego Spagnoli, vestito da Garibaldi e con bandierone tricolore: una toccata e fuga forse anche evitabile. Curiosità della serata: “Eh…già” fermata da Vasco e poi ripresa da capo, forse per un problema tecnico in avvio. Qualche semplice difficoltà di esecuzione, invece, su Ogni volta, che al terzo tentativo è comunque andata a buon fine. Ancora una volta, e temo che sarà così per tutto il tour, Vita spericolata stuprata con taglio a metà e battutina sul Bar Mario. Perché maltrattare così un capolavoro resta un mistero.

Cosa non va in questo concerto: l’inizio poteva essere migliore, Starò meglio di così live rende poco (mentre Prendi la strada è fuori dalla scaletta), Rock’n’roll show è un ripescaggio debole, Vivere o niente arriva troppo presto, manca un pezzone alla fine (Liberi liberi per dirne uno, ma anche la provata Io no poteva andare bene), che poteva essere tranquillamente inserito senza sforare tagliando metà comizio.

Cosa invece funziona: i ripescaggi sono le chicche che da sole valgono il prezzo del biglietto, alcune canzoni del nuovo disco hanno una bella resa, il palco è bello e Vasco è Vasco. Concerto vissuto e promosso, dunque. Con qualche difetto, resta pur sempre un signor show.

Guarda dove vai
:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 16 giugno 2011

Domenica a Genova Stef Burns

Stasera e domani concerto a San Siro. Poi, mentre Vasco si prenderà qualche ora di meritato riposo, il buon Stef Burns, da ormai 16 anni inseparabile chitarrista del Blasco, imboccherà l’autostrada ed arriverà a Genova: domenica è infatti atteso a Voltri dallo Zio Erasmo – Utri Beach per una guitar clinic che si preannuncia imperdibile per tutti gli amanti della chitarra.

Appuntamento alle ore 18, il costo di partecipazione è di 20 euro, comprensivo di consumazione. Organizza Andrea Di Marco, voce ed anima dei Tropico del Blasco. Collabora all'organizzazione Paola Popa, la locandina è di Laura.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 15 giugno 2011

Vasco in copertina su Oggi

Alla vigilia del primo dei quattro concerti di San Siro, e nel giorno di San Vito, il nuovo numero di Oggi attualmente in edicola presenta Vasco in copertina ed un’intervista allo stesso Vasco al suo interno. Una chiacchierata a cuore aperto, nella quale il Blasco si racconta senza filtri e non nasconde nemmeno le sue difficoltà di vivere.

Eccone uno stralcio: “Non c’è mai depressione nelle mie canzoni. È una malinconia di fondo. Sono sempre stato molto solare fino ai 50 anni. Poi a 50 anni è cambiato completamente, non so che cosa. Mi è cambiato il modo di vedere le cose. È cambiato tutto. Ho avuto una crisi terrificante nel 2000… Avevo tutto, sì avevo tutto. Cosa mi mancava? Non lo so, mi è cambiata la chimica nel cervello secondo me, c’è poco da fare, oh. Però ci tengo a dire che nelle mie canzoni non c’è mai depressione, ma c’è la presa di coscienza che mi sono rotto il cazzo di dire che va tutto bene anche se non è vero”.

Per leggere un’anteprima dell’articolo di Oggi cliccare qui: Oggi

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 13 giugno 2011

Breaking news: ecco le date della seconda parte del tour!

Mancava solo la conferma, ora c'è anche quella: il tour di Vasco riprenderà dopo la pausa estiva. Il primo a dare l'annuncio delle date è stato Massimo Poggini sul blog che tiene sul sito di Max. Queste dunque le date:
27 agosto Torino - Stadio Olimpico
2 settembre Udine - Stadio Friuli
6 settembre Bologna - Stadio Dall'Ara
11 settembre Avellino - Stadio Partenio

Queste le modalità delle prevendite: dalle 17 del 14 giugno alle 17 del 16 giugno solo per i possessori di American Express; dalle 18 del 16 giugno per tutti sul sito di Ticketone; dalle 10 del 17 giugno nelle rivendite autorizzate.

E' stato intanto annullato il concerto di Messina del 26 giugno. Al momento Live Nation sta valutando eventuali ipotesi per recuperare l'evento e dare ai fan siciliani la possibilità di assistere al concerto.

Per leggere l’articolo di Massimo Poggini cliccare qui: Blog Max

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

domenica 12 giugno 2011

Di ritorno da Mestre

E’ difficile commentare un concerto penalizzato da un audio disastroso. Non per tutti ovviamente, c’è chi ha sentito benissimo, ma nella zona dove ero io (a ridosso della gabbia, lato destro del palco) per metà concerto non si è sentito quasi nulla. Volume da radiolina: non so di chi sia la colpa, ma una cosa simile (con lo sproposito che costano i biglietti) è inammissibile. La situazione è un po’ migliorata da metà in poi, ma la pecca resta ed anche grave. Su tutto si può discutere e passare sopra, ma andare ad un concerto e non sentire è una cosa troppo frustrante.

Detto ciò, la scaletta è stata la stessa di Ancona, con il medley finale però completamente tagliato. Dopo Un senso, accenno di Vita spericolata, Albachiara e stop. Si sperava in qualche novità, non certo in un taglio. Secondo alcuni una decisione presa per la sola data di Mestre ed esclusivamente per questioni di tempo. Scopriremo a Milano se sarà così; nel caso, per il pubblico del concerto veneziano la beffa sarà stata tripla: biglietto più caro, audio pessimo (almeno in alcuni punti), concerto più corto. Due ore e quarto e tutti a casa.

Per una recensione completa, ovviamente rimando al concerto di San Siro. Dopo una serata così poco felice non ha senso dare dei giudizi. Mi limito a qualche sensazione: inizio moscio, ma parte centrale bella. Anche il tanto criticato medley dance tutto sommato scorre via, a parte l’orrendo arrangiamento di Gioca con me. Finale da dimenticare invece per la delusione della parte tagliata. Mi chiedo poi che senso abbia maltrattare così Vita spericolata, anche questa volta cantata per metà e poi buttata via. Mah. Belli quasi tutti i ripescaggi, delle nuove mi sono piaciute più delle altre L’aquilone e Vivere non è facile.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 10 giugno 2011

Il giorno della vigilia

Una strana, stranissima vigilia. Domani parte ufficialmente, dopo la data zero di Ancona, il tour 2011 di Vasco. E parte in un’atmosfera quasi irreale, dopo il dibattito che si è acceso, soprattutto in rete, tra i fans, proprio a seguito della data zero. Polemiche per l’organizzazione del fans club (e non è una novità), polemiche per una scaletta che in molti non hanno gradito. Sotto accusa il particolare il medley dance, con tanto di ballerine sul palco, e l’ultima parte del concerto, che ricalca pari pari (o quasi) quella del tour indoor.

Domani sera sapremo se Vasco e il suo staff, al di là delle “risposte ufficiali”, hanno tenuto in qualche misura conto di queste critiche oppure no. E’ capitato spesso in passato che la scaletta della data zero fosse in parte diversa da quella del tour, ricordiamo in particolare il caso del 2008, quando dopo il concerto di Genova sparirono Bollicine e Senza parole ed il medley acustico fu spostato a fine concerto con Vasco sul palco, invece della sola band.

Ma è una vigilia strana anche perché per la prima volta su cinque partecipazioni all’Heineken Jammin’ Festival, domani a Mestre non ci sarà il tutto esaurito. Anzi, le stime parlano di appena 30/40.000 biglietti venduti, un dato davvero poco incoraggiante. Prima di Vasco saliranno sul palco gli All Time Low, i Pretty Reckless e Noemi. Un cast non proprio stellare per un festival. Domani comunque sarò a Mestre, domenica sera o lunedì posterò la mia recensione del concerto.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 6 giugno 2011

Il funambolo

Una valanga di commenti e pubblico spaccato a metà: mai come in occasione della data zero di ieri un concerto di Vasco ha diviso così nettamente i fans tra di loro. Giudizi entusiastici, altri moderati, altri ferocemente critici.

Non ero ad Ancona ieri e quindi, ovviamente, non darò un giudizio sul concerto. Anche se la lettura della scaletta qualche riflessione me la ispira e qualche difetto è così evidente che basterebbe davvero poco per eliminarlo. Certo, ormai i giochi sono in gran parte fatti e tornare troppo indietro vorrebbe dire, forse, screditarsi. Se leggo la scaletta, peraltro, vedo anche cose che mi piacciono e che sono curioso di ascoltare dal vivo.

Certo, mi ha fatto un po’ riflettere quanto scritto oggi da Vasco su Facebook. Non sto a riportarvi tutto il testo, tanto lo avrete letto o lo potete recuperare senza difficoltà. Mi vorrei soffermare solo su questo pezzo: “Non mi dire che ti manca Non mi và? che c'azzecca? io ancora a cantare che non mi và che fai finta di godere oggi che non c'è più massimo( era nata con lu i ……….e poi vieni a far un giro sul mio rock?delusa come riempi bene quei jeans rewind e le ballerine mi sembra siano sufficenti per affemare il concetto. portatemi dio! c’è già IL MANIFESTO e LA FINE DEL MILLENNIO che fanno lostesso discorso: Dai!!!era in più”. Riportata pari pari, ovviamente. Non voglio entrare nel merito di quello che scrive Vasco, magari lo farò un’altra volta, non è questo il punto. La domanda, semplice, è questa: ma perché queste canzoni, se non c’azzeccano, sono state provate per un mese di fila, dai primi giorni di Pieve di Cento fino alla prova generale del 3 giugno?

Vorrei infine concludere questo post citando l’articolo scritto oggi da Marinella Venegoni su La Stampa. La quale scrive una cosa che, sinceramente, non so se sia stata riportata anche da altri quotidiani o sia un’anteprima. A me, ha incuriosito molto: “Il fantasma di un funambolo si aggirava ieri sera allo stadio del Conero di Ancona... Il funambolo ieri sera aveva un impegno, e lo vedremo solo da San Siro in poi... Sarà lui, il funambolo, a dare forza metaforica e visiva a questo “Live Kom 011 tour” che è concepito in verticale...”.

Per leggere l’articolo della Stampa cliccare qui: La Stampa

Questo è l’inizio:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

E alla fine spuntò Rock’n’roll show

Data zero in archivio, dunque. Con tanta pioggia, qualche sorpresa e diverse esclusioni eccellenti. La canzone meno attesa è comparsa quasi all’inizio: Rock’n’roll show, nessuno o quasi se l’aspettava. Ha preso il posto di Portatemi Dio, uscita dalla scaletta all’ultimo istante. Fuori anche Non mi va, Gabri e Io no, più volte provate a Pieve di Cento, mentre Vita spericolata è stata solo accennata. Per il resto la scaletta è quella prevista, con tanto di due auto che si alzano ai lati del palco su Vivere o niente, palco in fiamme su Gli spari sopra e balletto sul primo medley. Sabato prossimo la tappa di Mestre, vedremo se questa scaletta sarà confermata o se ci saranno delle novità ulteriori.

Questa dovrebbe essere la scaletta di ieri sera:
Intro
1) Sei pazza di me
2) Non sei quella che eri
3) Starò meglio di cosi
4) Giocala
5) Rock n'roll show
6) Dici che
7) Vivere o niente
8) Siamo soli
9) Manifesto futurista della nuova umanità
10) Interludio
11) Alibi
12) La fine del millennio
13) Gli spari sopra
14) Non l'hai mica capito
15) L'aquilone
16) Eh già
17) Medley (Rewind - Ti prendo e ti porto via - Gioca con me – Delusa)
18) Canzone
19) Vivere non è facile
20) Guarda dove vai + presentazione
21) Un senso
22) Medley Acustico (Accenno di Faccio il militare e Jenny e pazza - Sally - Dillo alla Luna - Incredibile romantica - Una canzone per te - Senza parole)
23) Vita spericolata (accenno)
24) Albachiara

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 4 giugno 2011

Il giorno della vigilia: ecco la probabile scaletta

Chat con Vasco questo pomeriggio alle 19 sul sito rai.it. Ieri intanto allo stadio del Conero Vasco e la band hanno tenuto la prova generale in vista della data zero in programma domani sera. Porte aperte per i fans, che si sono accomodati nell’ovale che sta tra palco e passerella.

Questa la scaletta provata: Intro – Sei pazza di me – Non sei quella che eri – Starò meglio di così – Giocala – Portatemi Dio – Dici che – Vivere o niente – Siamo soli – Non mi va – Manifesto futurista della nuova umanità – Interludio – Alibi – La fine del millennio – Gli spari sopra – Non l’hai mica capito – L’aquilone – Eh...già – Medley (Rewind – Ti prendo e ti porto via – Gioca con me – Delusa) – Canzone (intera) – Vivere non è facile – Guarda dove vai (con presentazione band) – Un senso – Medley (accenno Faccio il militare – Sally – Dillo alla luna – Incredibile romantica – Una canzone per te – Ridere di te – Senza parole) – Vita spericolata.

Rispetto alla scaletta di cui si vociferava negli scorsi giorni mancano dunque Sono ancora in coma, Gabri e Io no. Peraltro le prove sono state interrotte dopo Vita spericolata e quindi si può sperare che ci sia ancora qualcosa prima dell’immancabile Albachiara. Il balletto di cui tanto si è parlato farà da contorno al primo medley, mentre si annunciano nuovi effetti speciali ed un palco che “prende fuoco”.

Giocala
!


Vasco
si è convertito alla sigaretta elettronica?


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 3 giugno 2011

Il concerto di Messina al momento non è stato cancellato

E’ una smentita a metà quella pubblicata poco fa dal sito ufficiale di Vasco: in sostanza, il concerto di Messina al momento non è stato cancellato, ma non si può nemmeno dire con certezza che si farà. Anzi, quel “non esclude ad ora il regolare svolgimento dello spettacolo” non fa certo ben sperare.

Comunque, questo il testo del comunicato: “In merito alla notizia del sequestro e eventuale annullamento del previsto concerto di Vasco allo stadio di Messina informiamo che ad ora lo spettacolo non è stato cancellato. Le cause che ovviamente non dipendono dalla nostra volontà, sono legate ad un crollo verificatosi nei pressi della struttura. Live Nation, organizzatore del tour, sta cercando soluzioni al problema e non esclude ad ora il regolare svolgimento dello spettacolo. Dobbiamo purtroppo confermare che è veritiera la notizia del crollo e successivo sequestro della struttura da parte delle autorità. Grazie dell'attenzione e ... speriamo a presto”.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Breaking news: annullato il concerto di Messina?

Salta il ritorno di Vasco Rossi a Messina. L’atteso concerto del 26 giugno sarà annullato , per «cause di forza maggiore», dopo la decisione negativa della Commissione prefettizia convocata per esprimere il proprio parere vincolante in merito alle condizioni di sicurezza legate all’organizzazione dell’evento”. Così inizia l’articolo pubblicato oggi dalla Gazzetta del Sud, a firma di Lucio D’Amico, che gela i tanti fans, soprattutto del sud Italia, che attendevano il ritorno di Vasco in Sicilia.

La vicenda è nota: il crollo di un tratto del muro di protezione dello Stadio San Filippo è la causa dell’annullamento. A lungo, anche dopo gli impegni presi dall’amministrazione comunale, si è sperato che il concerto potesse andare regolarmente in scena. Ora arriva invece la doccia gelata. Al momento non si hanno ancora comunicazioni ufficiali da parte dello staff di Vasco e di Live Nation e la prevendita è regolarmente aperta sul sito di Ticketone.

Per leggere l’articolo della Gazzetta del Sud cliccare qui: Gazzetta del Sud

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 2 giugno 2011

Doppio Vasco in edicola

Vasco e la band sono da qualche giorno ad Ancona per le ultime prove in vista del tour che domenica partirà proprio dal capoluogo marchigiano con la data zero. Sul web girano le prime foto del palco, con la novità più sostanziale della passerella circolare. Domani intanto, se le anticipazioni degli scorsi giorni troveranno conferma, allo stadio del Conero ci sarà la prova generale in vista del concerto di domenica. Speriamo di riuscire ad avere qualche notizia semi-definitiva sulla scaletta.

L’avvio del tour ovviamente riporta Vasco sotto i riflettori ed in questi giorni due riviste dedicano la copertina al Blasco ed al suo mondo. La prima è “Chi”: il settimanale gossiparo di Mondadori, si parla del numero già in edicola, non poteva ovviamente mancare al matrimonio tra Stef e la Corvaglia celebrato da Vasco. Alcune indimenticabili foto della giornata di festa le potete comunque anche vedere sulla pagina facebook di Rossi.

Vasco sarà poi in copertina anche sul numero di IoDonna in uscita sabato: ad intervistarlo è Milena Gabanelli. Si rinsalda dunque il feeling che lega il rocker di Zocca alla giornalista di Report: ricorderete il video di Amico fragile trasmesso proprio durante una puntata del programma di Rai Tre ed anche la visita della Gabanelli a Los Angeles immortalata da Vasco in alcuni esilaranti video qualche tempo fa. Sul sito di IoDonna si possono vedere anche alcune foto ed un video con il backstage della sessione fotografica.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.