Ad Menu

sabato 31 marzo 2012

Romanzo di una strage: dalla Ghisolfa a Rock sotto l’assedio

C’è un film in questi giorni nelle sale di cui, senza credetemi volermi ergere a critico cinematografico, vi consiglio la visione. Si intitola “Romanzo di una strage”, è stato girato da Marco Tullio Giordana, e racconta uno degli episodi più oscuri della recente storia italiana, vale a dire la strage di Piazza Fontana. Ovviamente non mi pronuncio in merito alla ricostruzione storica, non avendo la competenza per farlo. Mi limito a dire che si tratta di un bel film, utile se non altro, in ogni caso, a rinfrescarsi le idee su quanto accaduto a cavallo tra gli anni ’60 e ’70.

Ne parlo su questo blog perché tra le figure di co-protagonista del film c’è anche un personaggio che a lungo ha lavorato con Vasco: Enrico Rovelli (foto a sinistra), che per il Blasco organizzò tutti i tour dal 1985 al 1997. Qualcuno lo ricorderà anche come produttore di Simone. Rovelli (interpretato da Gianmaria Martini, foto in basso) compare in una delle prime scene del film: è uno degli anarchici che frequentano il Circolo del Ponte della Ghisolfa (quello di Pinelli e Valpreda) e finisce in questura per una vicenda legata ai permessi per l’apertura di un locale. Vicenda che lo porterà a diventare un informatore delle forze dell’ordine.

Una ricostruzione che probabilmente non piacerà a Rovelli. Il quale non nega di essere stato un informatore, ma smentisce di esserlo stato già nel 1969. Ecco cosa scrive lo stesso Rovelli a pagina 147 del libro “Vasco in concerto”: “Mi capita di fare ricerche su internet e vedo che circolano ricostruzioni sbagliate sulla mia storia, in cui si dice che ero già un informatore dal 1969, ma non è assolutamente vero, è cominciato tutto dopo”.

Nello stesso libro l’ex collaboratore di Vasco dà una sua versione di questa triste vicenda, che causò anche la rottura dei suoi rapporti lavorativi con Vasco. Una pagina triste: “La rottura con Vasco nel ’97 per me è stato un momento durissimo, anche dal punto di vista personale. Era morto mio figlio e di fatto il lavoro che avevo fatto per parecchi anni era finito. Oltretutto, è nato tutto per una vicenda di quasi trent’anni prima, cioè la questione «Anna Bolena» (era il suo nome in codice come informatore, ndr), il fatto di essere stato un informatore del Ministero dell’interno. Il modo in cui è uscita la notizia, poi, mi attribuiva illazioni come la balla che Dario Fo fosse legato alle Brigate Rosse. Quando Fo gli ha chiesto pubblicamente «ma con che gente lavori?», Vasco si è incazzato soprattutto perché non gli avevo mai raccontato il mio passato, la mia vita. Ma si trattava di una vicenda lontanissima, che non c’entrava niente con lui. Alla fine però mi ha sospeso, anche perché doveva dare una risposta a quella domanda pubblica. Non nascondo che ci sono rimasto molto male”.

Come non mi esprimo sulla ricostruzione storica del film, ugualmente faccio con le parole di Rovelli. Mi limito solo a raccontare questa vicenda, prendendo spunto dal film visto stasera, perché mi sembra comunque significativa e simbolica: da una parte una pagina oscura della storia italiana, dall’altra la bella favola di una rockstar. Due mondi in apparenza lontanissimi, che però si sono in qualche modo incrociati. Ovviamente in modo del tutto inconsapevole per Vasco. Una vicenda simbolica, dicevo. Perché chissà quante altre storie, in apparenza lontanissime, si sono a loro volta incrociate dal quel 1969 che, in qualche modo ha cambiato la storia d’Italia, ad oggi. Ciò che sembra lontanissimo, a volte, ci sfiora la mano.

Solo un ultimo appunto sulla vita di Enrico Rovelli: nel brano citato di “Vasco in concerto” parla della morte di un figlio, Billy, scomparso nel 1997. Nel 2010 il destino gli strapperà un secondo figlio, Davide, a seguito di un incidente stradale. Una storia tragica, la sua.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

C’è la crisi anche per Vasco

L’impossibilità di essere normale. E’ forse scritto nel destino che Vasco debba sempre e comunque fare notizia. Quanto dichiarato dal Blasco alla Scala e ripreso oggi da Il Secolo XIX (ma immagino anche da altre testate) ha dell’incredibile: “Un giorno è arrivato il mio commercialista e mi ha detto: abbiamo crisi di liquidità. E io cosa ho fatto? Ci ho messo i risparmi di una vita, per non licenziare nessuno. Così tornerò a fare l’artista. Non prendo impegni nemmeno con la mia casa discografica”.

L’articolo di Renato Tortarolo, al di là di questo inatteso aneddoto finanziario, presenta molti altri spunti interessanti, tra virgolettati e commenti del giornalista. E’ chiarisce almeno un giallo, quello relativo alla canzone “La luna”, che Vasco ha scritto per Patty Pravo, ma che lo stesso, tempo fa, aveva invece detto essere per Fiorella Mannoia: “Mentivo”, si sarebbe limitato a spiegare Rossi a tal proposito. Il perché di questa “menzogna” rimane però ancora un mistero.

Interessanti sono i dettagli relativi al balletto. Citando una anonima “signora della buona borghesia”, scrive Tortarolo: “Chi crede che abbia pagato la produzione? Lui. Si è fatto un regalo, ci teneva tanto e là” nel senso di teatro “quando arrivano dei soldi va benissimo”. Saltata la prima, scrive il giornalista, “Vasco si è comprato un numero congruo di biglietti e le presenze di oggi sono state spalmate sulle recite da martedì al 13 aprile, sette in tutto”. E qui torna in ballo la signora della borghesia: “Già, ma il risultato non cambia. Chi ama il balletto qui non ci metterà piede: primo perché la coreografa Martha Clarke non la conosce nessuno, secondo perché i milanesi bene, quest’anno, alla Scala ci mandano la servitù, tanto il programma fa pena”.

Il giudizio, non proprio lusinghiero, sul balletto è invece tutto di Tortarolo: “Povero Vasco, si è dato un gran daffare, ma il risultato della coreografia, almeno nella seconda parte, è modesto”.

Per leggere l’articolo cliccare qui: Il Secolo XIX

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 30 marzo 2012

La Scala… del calcio e una ballerina di nome Ballone

Il disco nuovo e il ritorno in pubblico. Giorni intensi per Vasco. Intanto, emergono i primi dettagli di quello che sarà il balletto “L’altra metà del cielo”. Li rivela un articolo apparso su Il Giorno un paio di giorni fa, firmato da Nicola Palma.

La cosa più curiosa: sulle note di Brava Giulia la componente maschile del corpo di ballo inscenerà una partita di pallone. Altra anticipazione: un "provino” per aspiranti danzatrici, a seguito del quale Susanna si trasformerà in Delusa.

Infine, i nomi delle protagoniste: Sabrina Brazzo (Albachiara, nella foto), Beatrice Carbone (Susanna) e Stefania Ballone (Silvia).

Per leggere l’articolo cliccare qui: Il Giorno

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 29 marzo 2012

Vasco sulle punte

La morale della favola è che se prendi delle belle canzoni, puoi farci poi quello che ne vuoi che sempre belle canzoni restano. “L’altra metà del cielo” è un tentativo, anche coraggioso, di rileggere alcuni classici del repertorio di Vasco. Il risultato complessivo è sicuramente buono, con alcune punte verso l’ottimo e qualche episodio meno felice.

Due curiosità: al contrabbasso Claudio Golinelli! La sorpresa più bella di tutto il libretto, speriamo che prima o poi esca anche qualche foto del Gallo impegnato con tale insolito strumento. Come annunciato, oltre alle tredici canzoni di Vasco, ci sono tre brevi brani musicali: mentre “Preludio” e “Divertimento” sono accreditati a Vasco e Celso Valli, “Habanera” non compare nei crediti. Una stranezza che non riesco a spiegarmi.

Il disco, superfluo dirlo, vive sui nuovi arrangiamenti che Valli ha disegnato per le canzoni di Vasco. La cui voce, al di là delle note difficoltà raccontate dallo stesso Rossi, resta uno strumento meraviglioso al servizio della musica. Si perde quella patina ruvida tipica della produzione del Blasco per immergersi in suoni diversi, certo lontani da quelli a cui eravamo abituati. Il lavoro, non dimentichiamolo, è pensato per fare da colonna sonora ad un balletto e non per essere ascoltato in macchina. La valutazione, tolto il disco dalla stereo, non può pertanto che essere a metà, in attesa di valutarlo più completamente a teatro.

Il Preludio che apre il disco introduce nell’atmosfera della successiva ora di musica. Si parte con una bella rilettura di Albachiara ed altrettanto bella è la versione di Silvia. Susanna sorprende per la sua freschezza: un arrangiamento quasi jazz per sciogliere uno dei nodi sulla carta più difficili del disco. Anima fragile è una delle perle, impreziosita da alcuni secondi di cantato senza musica: questa canzone, comunque la si giri, è un capolavoro e resterà un mistero il motivo per cui Vasco per anni è sembrato dimenticarsi del pezzo.

Brava
non si discosta molto dall’originale ed ovviamente piace. Gabri offre Vasco iniziare il pezzo quasi da crooner e poi mette in primo piano la musica di Casini, ovviamente rivisitata per l’occasione. Incredibile romantica è forse la versione che più mi ha sorpreso e piacevolmente stupito: la rilettura è quasi integrale e decisamente riuscita. Bella.

Non mi convince molto invece Brava Giulia: solo cori, senza la voce di Vasco, sembra mancare un ingrediente fondamentale. Ed il confine tra ciò che è lecito e ciò che non lo è, in qualche momento, sembra vacillare. Anche Delusa non mi convince del tutto, anche se in questo caso l’operazione è almeno divertente. Habanera altro non è che la coda di Delusa, mentre Jenny è pazza non riserva sorprese: una canzone splendida, in questo caso senza troppo maquillage.

Anche Laura rispetta l’originale: un'aria allegra, chiusa non a caso da Divertimento. Sally, a sua volta, è sulla falsariga dell’originale ed è l’unica canzone (pronto ovviamente a raccogliere smentite) che Vasco non ha ricantato. Gran finale con Un senso, classicamente bella, come da previsioni.

Nel complesso, dicevamo, un buon lavoro: difficile dire quanto questo disco sarà ascoltato in futuro, ma sicuramente un cd che un fan di Vasco deve avere. Una testimonianza e forse un momento di passaggio. Una nuova pagina di una storia che continua a riservare sorprese.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 28 marzo 2012

L’altra metà del cielo, prima annullata e disco a macchia di leopardo

Inizia male l’avventura de “L’altra metà del cielo”. Ormai lo saprete tutti, è ufficiale l’annullamento della prima, in programma sabato sera. Questo il comunicato apparso sul sito della Scala, che riporta anche le modalità per ottenere il rimborso dei biglietti:

Il Teatro alla Scala è spiacente di dover annunciare che la prima rappresentazione del balletto L’altra metà del cielo, su coreografia di Martha Clarke, progetto e musiche di Vasco Rossi, prevista per sabato 31 marzo, non potrà andare in scena a causa di uno sciopero indetto dalla Segreteria Territoriale e RSA SLC- CGIl. I biglietti saranno rimborsati secondo le modalità qui sotto illustrate. Ci scusiamo per il disagio arrecato.
La Direzione del Teatro alla Scala

Modalità di rimborso - Acquisti allo sportello, tramite Internet, prenotazione telefonica: I biglietti dovranno essere spediti o restituiti entro il 6 aprile 2012 alla Biglietteria Centrale (Galleria del Sagrato), Piazza Duomo - 20121 Milano, aperta dalle ore 12 alle ore 18 tutti i giorni. In caso di consegna il rimborso è contestuale; in caso di spedizione il rimborso avverrà esclusivamente mediante invio di assegno circolare all’indirizzo indicato dal cliente. Contestualmente alla restituzione del biglietto presso la Biglietteria Centrale, sarà possibile chiedere l’eventuale sostituzione con un’altra serata del medesimo spettacolo. Per ulteriori informazioni: Servizio Infotel 02.7200.3744
”.

Problemi si registrano anche nella distribuzione del disco, in alcuni negozi disponibile già da ieri ed in altri ancora non arrivato. Per un parere, cari lettori, non vi resta che attendere che finalmente riesca a mettere le mani su una copia di questo “introvabile” cd.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 27 marzo 2012

L’altra metà del cielo: a rischio la prima?

Sciopero alla Scala, Vasco a rischio”. Così titola oggi un trafiletto pubblicato sulla Stampa a pagina 43. Notizia immagino ripresa anche da altre testate. I motivi? Ovviamente sindacali.

Questo il testo dell’articolo della Stampa: “La rappresentanza sindacale della Cgil del Teatro della Scala ha deciso di scioperare il 31 marzo contro il governo per l’articolo 18 e in risposta alla lettera firmata dal direttore generale Di Freda sugli infortuni sul lavoro, «che scarica ogni responsabilità degli incidenti avvenuti in palcoscenico negli ultimi mesi sugli operatori stessi, anziché riconoscere gli errori di programmazione e organizzazione». Lo sciopero rischia di far saltare la prima dell’atteso balletto L’altra metà del cielo con musiche e drammaturgia di Vasco Rossi e coreografie di Martha Clarke”.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 24 marzo 2012

La verità di Vasco, riflessioni in ordine sparso

Pochi minuti fa Vasco ha pubblicato su Facebook la sua verità su quanto successo in questi mesi. Dunque, ha affittato l’intero piano di un albergo per un mese e mezzo per ricantare le canzoni del progetto “AllaScala”.

Dice molte cose Vasco, molte cose che finora non erano di pubblico dominio. In primis sulla sua salute: “tre esami diagnostici in anestesia totale”, “sei mesi di antibiotici”, “un periodo di almeno un anno prima di pensare ad un recupero completo”. E meno male che era solo una costola rotta.

Vasco
è disarmante nel confessare le difficoltà incontrate in fase di registrazione: “Un momento veramente terribile pieno di frustrazioni, abbattimento, avvilimento mortificazione e sconforto”. Poi, la svolta in un pomeriggio, i dialoghi con Nicola (Venieri?), cinque canzoni una in fila all’altra. E finalmente uno sprazzo di ironia, quel “un vero miracolo di Padre Mio” che da solo risolleva il tono dell’intero post.

La verità di Vasco forse spazza molte nubi, i tanti interrogativi che hanno serpeggiato tra i fans in questi mesi. Anche se resta la sensazione di una storia ancora non raccontata completamente, forse oggi siamo un po’ più vicini alla verità.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 22 marzo 2012

L’altra metà del cielo: ecco Albachiara

Arriviamo un po’ tardi, sicuramente ormai l’avrete già sentita tutti (o quasi), ma non potevamo non dedicare un post all’anteprima de “L’altra metà del cielo”: non più l’assaggio di qualche mese fa, ma l’intera versione di Albachiara.

Ora possiamo farci un’idea più precisa di quello che ci aspetta dal disco in uscita nei prossimi giorni. Ovviamente, qualcosa di non molto distante da quello che ci si poteva immaginare: un gran lavoro di ri-arrangiamento di alcuni classici della produzione di Vasco.

Albachiara
ora ha un vestito nuovo: è molto elegante, sta bene in società. E dire che una volta si vestiva svogliatamente….



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 21 marzo 2012

Serino, ipotesi patteggiamento: 5 mesi di carcere (e pena sospesa)

Vi ricordate la vicenda di Gian Paolo Serino, il direttore di Satisfiction, rivista letteraria per un certo periodo finanziata da Vasco? Ne avevamo parlato lo scorso 2 marzo, quando Serino era stato arrestato con l’accusa di estorsione: secondo la tesi dell’accusa, il critico letterario avrebbe preteso 5.000 euro da una donna, con la minaccia in caso di mancato pagamento di pubblicare su internet alcune sue foto hard.

Oggi, arriva un importante sviluppo: si parla infatti di un patteggiamento tra difesa e procura, sulla base di una condanna a 5 mesi (con sospensione della pena), non più per il reato di estorsione, ma per quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

La decisione finale, il prossimo 20 aprile, sarà presa dal giudice Illio Mannucci.

Per saperne di più cliccare qui: Ansa

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

L’altra metà del cielo: successo o flop?

Se per i concerti la caccia al biglietto fa controllare quotidianamente il sito di Ticketone per vedere se c’è in vendita qualche tagliando, altrettanto non si può dire per il balletto “L’altra metà del cielo” in procinto di debuttare alla Scala di Milano.

E allora cerchiamo oggi di rispondere ad una banale domanda: come stanno andando le prevendite? Data per data, riportiamo quindi la disponibilità complessiva di biglietti. Per evitare un post chilometrico, evitiamo la distinzione tra settori, segnalando solo il numero globale di tagliandi attualmente in vendita sul sito internet del Teatro. Peraltro, di biglietti economici sembra non esserci più traccia, anche se segnaliamo che il giorno di ogni spettacolo vengono messi in vendita 140 tagliandi di galleria. Ecco il riepilogo:

Sabato 31 marzo
: 0;
Martedì 3 aprile
: 117;
Mercoledì 4 aprile
: 99;
Giovedì 5 aprile
: 257;
Venerdì 6 aprile
: 144;
Sabato 7 aprile
: 235;
Mercoledì 11 aprile
: 380;
Venerdì 13 aprile
: 319.

Complessivamente restano disponibili 1451 biglietti, vale a dire una media di 181 o 207 per data (a seconda che si consideri o meno la prima del 31 marzo, già esaurita). Successo o flop? Per rispondere bisognerebbe conoscere la media delle presenze per i balletti alla Scala. Ahimè, un dato di cui non siamo in possesso.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 20 marzo 2012

L’altra metà del cielo il 5 aprile su Rai 5

Abbiamo dato notizia stamattina dell’articolo dedicato da Sorrisi e Canzoni a Vasco ed al balletto “L’altra metà del cielo”. Ma c’è di più, perché nel pomeriggio, sul profilo ufficiale della rivista su Twitter, è uscita un’anticipazione quanto mai gustosa, che riportiamo testuale: “Il balletto della Scala tratto dalle canzoni di Vasco Rossi andrà in onda su @raicinque giovedì 5 aprile alle 21.15”.

Non viene specificato se lo spettacolo verrà trasmesso in diretta oppure registrato. Comunque, un’ottima occasione per tutti coloro che non sono riusciti a trovare un biglietto per la Scala.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Vasco alla Scala, copertina e servizio su Sorrisi

Il numero in edicola di Sorrisi e Canzoni dedica la copertina a Vasco, sopra al titolo “Vi racconto come Albachiara ballerà alla Scala”.

All’interno un’intervista firmata da Aldo Vitali, nella quale Rossi ribadisce di essere in questo periodo concentrato sul balletto “L’altra metà del cielo”, spiegandone la genesi e le principali caratteristiche. Poche le news sul futuro, a parte l’anticipazione (se così vogliamo chiamarla) che “ci sono delle canzoni già finite”.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 17 marzo 2012

Cronaca di un successo annunciato: la festa della Pizzeria Verdi A Tutto Vasco

Come per i concerti di Vasco: ormai servono i raddoppi. Anno dopo anno la festa della Pizzeria Verdi A Tutto Vasco riscuote sempre maggiore successo e ieri se n’è avuta l’ennesima testimonianza: tutto esaurito in sala per il concerto dei Tropico del Blasco e per festeggiare i trent’anni di attività della Pizzeria. Vito, famiglia e collaboratori ancora una volta si sono superati: succulenti le pizze e perfetto il servizio, come da tradizione del locale.

Piatti svuotati in un battibaleno e poi spazio alla musica. Andrea Di Marco e soci ce l’hanno messa tutta per ricreare la magia dei concerti di Vasco. Formula unplugged e quindi arrangiamenti rivisitati per l’occasione: una carrellata di successi in due ore di musica, dagli esordi ai giorni nostri. “Che bella serata”, è stato l’unanime commento all’avvicinarsi della mezzanotte: serate così fanno bene al cuore. Appuntamento a marzo 2013, per una nuova notte di festa.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 16 marzo 2012

Vasco in hotel, nuovi dettagli (o ipotesi) sul Corriere di Bologna

Il Corriere di Bologna pubblica oggi nuovi dettagli sulla permanenza in hotel di Vasco. Notizie ed ipotesi si mescolano in un articolo comunque interessante.

Intanto, viene reso pubblico il nome dell’albergo: Hotel Boscolo (nella foto). E poi si torna a parlare della sua salute: “Vasco non se la passa al meglio – scrive Leonardo Iannacci – ma non è affatto in fin di vita…”. Resta il mistero su questa specie di autoreclusione. Secondo il giornalista Vasco è “parecchio giù di corda, depresso e, per questo unico motivo avrebbe scelto di trascorrere, in questi mesi, un’esistenza da eremita…”.

Dove finisca la realtà ed inizi l’immaginazione è difficile dirlo. Di certo le voci si rincorrono da mesi, da quando più o meno il Blasco ha smesso di mostrarsi con una certa regolarità attraverso i clippini. Lentamente, inizia ad aprirsi uno squarcio nel velo di mistero di questi ultimi tempi. Nell’attesa che Vasco decida di ritornare in pubblico e raccontare, se lo vorrà, la sua verità.

Per saperne di più cliccare qui: Corriere di Bologna

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 14 marzo 2012

Clara Moroni come non l’avete vista mai

Come un fulmine a ciel sereno, oggi sul sito di Rolling Stone è apparso un articolo intitolato “Mi spoglio da Vasco”.

Chi “si spoglia” (nel senso letterale del termine) è Clara Moroni, corista del Blasco del 1996. Per la foto vi rimandiamo all’articolo, nel quale Clara spiega anche i motivi di questo gesto. Che dire, complimenti Clara!

E complimenti anche per il bel video di “Bambina Brava”: anche questo lo potete vedere in calce all’articolo, ma per vostra comodità lo pubblichiamo anche in fondo a questo post.

Per leggere l’articolo (e ammirare la foto) cliccare qui: Rolling Stone



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 13 marzo 2012

Vasco è da mesi in hotel, ora lo si può dire

La voce girava da tempo, parecchio tempo: Vasco da un po’ non vive più a casa, ma in hotel. Ma, trattandosi di voce, come tale andava presa.

Ora invece c’è la conferma ufficiale: ne parla un articolo del Resto del Carlino che cita, con tanto di virgolettato, Tania Sachs, addetta stampa del Blasco. “Vasco si è accasato ormai da mesi all’ultimo piano di un lussuoso hotel della città”, scrive il giornalista Enrico Barbetti. E la Sachs conferma, spiegando il perché di questa scelta. Un hotel dunque; chissà, forse uno stupido hotel.

Per saperne di più cliccare qui: Il Resto del Carlino



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 12 marzo 2012

Buon compleanno Pizzeria Verdi!

Oggi la Pizzeria Verdi A Tutto Vasco ha compiuto trent’anni. O meglio, trent’anni di gestione di Vito, Rita e famiglia. Un traguardo importante, che sarà festeggiato venerdì sera con il concerto dei Tropico del Blasco in versione unplugged.

Da parte mia, non posso che rallegrarmi e complimentarmi con Vito, Rita, famiglia e collaboratori per questi trent’anni a servizio di noi buongustai ed appassionati di Vasco. La Pizzeria Verdi A Tutto Vasco è un luogo magico: chi la frequenta lo sa, per gli altri l’invito è quello di provare al più presto cosa significa una serata al Verdi. Garantisco che non rimarrete delusi!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 9 marzo 2012

L’altra metà del cielo: ecco la tracklist

Uscirà martedì 27 marzoL’altra metà del cielo”, nuovo disco di Vasco e colonna sonora dell’omonimo balletto che andrà in scena alla Scala. A proposito di balletto, una piccola parentesi: dopo l’esordio milanese, si parla già di un possibile tour nei principali teatri italiani.

Tornando al disco, uscirà in due versioni: cd e vinile. Entrambi i formati dovrebbero costare intorno ai 20 euro. Dalle prime informazioni, pare che le canzoni, oltre che riarrangiate, siano anche state tutte ricantate da Vasco.

Grazie al sito vrlive.it dell’amico Alfonso, ancora una volta primo sulla notizia, pubblichiamo quella che dovrebbe essere la tracklist completa del disco:

1) Preludio
2) Albachiara
3) Silvia
4) Susanna
5) Anima fragile
6) Brava
7) Gabri
8) Incredibile romantica
9) Brava Giulia
10) Delusa
11) Habanera
12) Jenny è pazza
13) Laura
14) Divertimento
15) Sally
16) Un senso

Per maggiori informazioni cliccare qui: vrlive.it

Un clippino di qualche mese fa con un assaggio di Albachiara:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 7 marzo 2012

Festa della donna con la musica di Vasco e… venerdì arriva Solieri

Domani, 8 marzo, festa della donna. Una proposta curiosa e un po’ diversa, per le tante ammiratrici del Blasco, arriva da Genova: ci sarà infatti un tributo a Vasco presso il ristorante Al Capanno di Via Pisacane 32r. Sul palco Andrea Murgia, alias Vasc80. Una breve descrizione dell’evento, presa dal sito di Vasc80: “Sally, Gabri, Silvia, Jenny, Laura, Giulia, Toffee, Mary Louise, Alba Chiara.. manchi solo tu e.. c'è una canzone per te! Info e Prenotazioni 010/540003 (Menù Speciale a partire da 15 €)”.

Venerdì
invece grande appuntamento al New Bulldog di Serra Riccò: in arrivo c’è Maurizio Solieri! Questo il programma della serata: dalle 20 cena con la presenza di Solieri; dalle 21 clinic e presentazione del libro “Questa sera rock’n’roll”; dalle 23.15 concerto di Solieri con le Custodie Cautelari.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 6 marzo 2012

Novità dal fan club: in arrivo per i soci cd live e… uno zaino

I soci del Blasco Fan Club hanno ricevuto oggi una mail che preannuncia un’importante novità: è in arrivo per loro il cd “Vasco Vivere o Niente – Live Kom ‘011 Fan Edition”.

Secondo quanto affermato dal fan club dovrebbe trattarsi di un cd a tiratura limitata.

In arrivo anche, così preannuncia la mail, lo zaino Limited Edition Official member offerto da QrTribe.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Grande festa il 16 marzo per i trent’anni della Pizzeria Verdi A Tutto Vasco

E’ un traguardo importante. Uno di quelli che capitano, toh, ogni trent’anni. Lunedì prossimo il compleanno e venerdì 16 marzo (segnate la data in rosso sul calendario) la festa! L’appuntamento è in Pizzeria, ci sono da spegnere trenta candeline e lo si farà, ovviamente, sulle note di Vasco. La musica sarà assicurata dal Tropico del Blasco in versione unplugged, una garanzia insomma.

Sono aperte le prenotazioni, solo ed esclusivamente presso la Pizzeria Verdi A Tutto Vasco: costo della serata 20 euro, comprensivo di pizza, bevanda, dolce e concerto. Cosa aspettate, correte a prenotare!

Siamo solo noi! (che abbiamo intorno a trent’anni)


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

domenica 4 marzo 2012

Uscirà il 27 marzo il cd “L’altra metà del cielo”

Una corona di girasoli con la scritta “Ciao Lucio!”: questo l’omaggio di Vasco per Lucio Dalla, in occasione del funerale dell’artista bolognese.

Intanto, si avvicina il momento di una nuova uscita discografica per il Blasco: arriverà infatti nei negozi a fine mese, il 27 marzo, il cd (e sembra pure il vinile) contenente le canzoni che faranno da colonna sonora al balletto “L’altra metà del cielo”.

Dovrebbero essere dodici pezzi, riarrangiati da Celso Valli. La notizia, pubblicata questa mattina in anteprima sul forum del sito vrlive.it, trova conferma in diversi siti esteri (ad esempio jpc.de) che appunto indicano nel 27 marzo la data di uscita.


Un assaggo di Gabri:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 2 marzo 2012

Breaking news: arrestato Gianpaolo Serino

E’ stato arrestato ieri pomeriggio Gianpaolo Serino, critico letterario e direttore di Satisfiction, la rivista che per un certo periodo ha avuto come editore Vasco. Avrebbe minacciato una donna di pubblicare alcune sue foto hard su internet se non gli avesse consegnato 5.000 euro.

Serino
si difende sostenendo che i soldi erano la quota di iscrizione della donna alla rivista, per poter lavorare come collaboratrice. Ora l’ex collaboratore di Vasco è ai domiciliari.

Per saperne di più cliccare qui: Corriere della Sera

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 1 marzo 2012

Lucio Dalla: il ricordo di Vasco e (molto più modestamente) anche il mio

Ho sempre avuto un rapporto ambivalente con la musica di Lucio Dalla. Trovo splendide alcune sue canzoni ed altre meno. Forse per questo, negli anni in cui, bene o male, i grandi della musica italiana quasi tutti li ho visti almeno una volta in concerto, non mi è mai capitato di trovarmi sotto ad un suo palco. Per fortuna, ho fatto in tempo a colmare la lacuna un paio d’anni fa, grazie ad una notte bianca genovese ed alla splendida riedizione del tour con De Gregori. Ricordo quella sera come davvero bella ed ora, anche, con un po’ di nostalgia.

Oggi ovviamente in tanti si sono cimentati in un ricordo di questo artista. Bello ad esempio quanto scritto da Diego Spagnoli: “Volevo salutare Lucio Dalla .... Mi e' Spiaciuto molto.... Ho dei bei ricordi con lui , il primo nel 1986 a casa nostra , il capannone di casalecchio , con Gli Stadio e Lucio li produceva.Hanno studiato per una settimana tutti i movimenti per ....arrivare ultimi a sanremo.... vabbe'.... e poi piu tardi a Palermo nel 96 ( non sono sicurissimo ) ...Lucio si era sporcato il bordo dei pantaloni ... io mi sono inginocchiato per pulire.... e li mi ha detto, ..." No non ti devi inginocchiare .... non e' giusto che una persona si inginocchi servilmente verso un'altra .... anche se fossi un re.... non e' giusto ....." fui molto sorpreso.....Come lo sono stato poco fa.... Saluti....alla prossima !!!!”.

Ed anche Vasco ha lasciato un suo ricordo su Facebook. Due strade, le loro, che spesso si sono virtualmente incrociate, non fosse altro che per motivi geografici. Amici e collaboratori in comune hanno percorso le loro carriere. Queste la parole di Vasco: “La notizia corre in rete, passa di bocca in bocca...è morto Lucio Dalla... Stroncato da un infarto, se ne è andato nel sonno..
Non siamo mai pronti a notizie del genere, rimaniamo attoniti, sbalorditi, spaventati, arrabbiati e poi tristi molto tristi, senza parole. C'est la vie, questa è la vita..ha la precedenza su tutto meno che sulla morte, che arriva quando meno te la aspetti..
Un colpo a tradimento la fatalità, il caso!
Ci sentiamo all'improvviso parte di una stessa grande famiglia a cui viene a mancare il capofamiglia..perchè questo era Lucio Dalla: un padre affettuoso e sempre presente con il suo entusiasmo, le sue idee spesso all'avanguardia per il cantautorato italiano, il suo grande amore per la musica.Che lo ha accompagnato fino all'ultimo e questo ci consola, Lucio se ne è andato come avrebbe voluto, era in tour in piena attività...
Nessuno muore mai completamente, qualche cosa di lui rimane sempre vivo dentro di noi!
Wiva Lucio Dalla

A me piace questa, fra le tante:



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.